FANTASIA

Bovio - Valente

E' serenata e nun serenata,
chesta na fantasia che mm' venuta...
Dice che la mia bella sta malata
e i' ca st' buono, che ce pzzo f?!

Ah, ah...

Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchi...
Pecch
nisciuno maje mm'ha fatto bene a me!


E 'sta chitarra mia s'era addurmuta
e mo 'mpruvvisamente s' scetata...
Che voce 'e paraviso che mm' asciuta
cu nu bicchiere 'e vino, 'int'a ll'est!

Ah, ah...

Io tengo sulo a me,
...............................

No, nun overo: chesta serenata
e s' nu strazio chesti qquatto note...
'o ssaccio, 'o ssaccio pe' chi staje malata
e io prego 'e Sante 'e nun te f san!

Ah, ah.....

Io tengo sulo a me,
i' voglio bene a me,
e po' a nisciuno cchi!
Ma si
tu muore, 'o ssaje ca i' moro appriesso a te!


Finale:

Tu vi' che fantasia che mm' venuta!