'A Città 'e Pulecenella

Claudio Mattone

T’ accumpagno vico vico

sulo a tte ca si’ ‘n amico

e te porto pe’ ‘e quartiere

addò ‘o sole nun se vede

ma se vede tutto ‘o riesto

e s’ arapeno ‘e ffenèste

e capisce comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella.        

Comm’ è bella comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella         

                  

Me dispiace sulamente

ca l’ orgoglio ‘e chesta gènte

se murtifica ogni juórno

pe’ ‘na manica ‘e fetiénte

che nun tèneno cuscienza

e nun tèneno rispetto

comme fanno a piglià suónno

quann’ è ‘a sera dint’ ‘o liétto s

Dint’ ‘o liétto  dint’ ‘o liétto

quann’ è ‘a sera dint’ ‘o liétto

                  

Po’ te porto a Margellina

sèmpe ca nun tiéne fretta

verzo ‘e ccìnche d’ ’a matina

quanno ‘o traffico ‘o ppermette

cà è permesso tuttecose

no pecché tiéne ‘o diritto

ma pecché s’ è sèmpe fatto

o è sultanto pe’ dispiétto

Pe’ dispiétto pe’ dispiétto

è sultanto pe’ dispiétto

                  

Me dispiace sulamente

ca l’ orgoglio ‘e chesta gènte

se murtifica ogni juórno

e nuje ce mettimmo scuórno

ma nisciuno po’ ffà niénte

ce zucammo ‘a caramella

comm’ è ddoce e comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella!

Comm’ è ddoce e comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella

                  

.............

Io che sóngo musicante

e me sento furtunato

canto e ssòno sòno e canto

chésta bella serenata

è pecché so’ nnammurato

pecché forse ce so’ nato

ma vedite comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella!

Comm’ è bella comm’ è bella

‘a città ‘e Pulecenella