Torna a Surriento
(F.lli De Curtis)

A molti sembrera' strano, ma questa canzone e' dedicata ad un uomo. Questi sono i fatti. Nel Settembre del 1902 il Presidente del Consiglio Giuseppe Zanardelli si reco' in visita ufficiale a Sorrento. Prese alloggio nell'albergo in cui lavorava come affreschista Giambattista De Curtis.
A quei tempi la situazione a Sorrento era catastrofica. Strade sconnesse, case diroccate, servizi inesistenti. Per invogliare il Presidente Zanardelli a fare qualcosa ed al piu' presto, i De Curtis (Giambattista ed Ernesto) gli dedicarono questa canzone (scritta in poche ore, ma modificata poco dopo nella versione attuale) per esortarlo a ritornare a ricostruzione avvenuta e godersi le bellezze di Sorrento. Da allora e' diventata una delle canzoni napoletane piu' conosciute nel mondo.

100 anni per "Torna a Surriento"articolo del                                            Corriere del Mezzogiorno del 17 luglio 2002                                            

TESTO...

Vide 'o mare quant''e bello!              
Spira tantu sentimento,
Comme tu a chi tiene mente,
ca scetato 'o faie sunna'.

Guarda, gua' chistu ciardino;
Siente, sie' sti sciure arece:
Nu prufumo accussì fino
Dinto 'o core ase ne va...

E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?

Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'!

Vide 'o mare de Surriento
Che tesoro tene nfunno;
Chi ha girato tutto 'o munno
Nun l'ha vista comm'a cca'

Guarda attuorno sti Sserene,
Ca te guardano 'nacantate
E te vonno tantu bene...
Te vulessero vasa'.

E tu dice: "I' parto, addio!".
T'alluntane da stu core...
Da la terra de l'ammore...
Tiene 'o core 'e nun turna'?

Ma nun me lassa',
Nun darme stu turmiento!
Torna a surruento,
Famme campa'

PENTAGRAMMA MUSICALE